Il Sentiero degli Eroi

Capitolo 1 - PREDA E PREDATORE

ATTO 1° L'attacco del wyrm

26 Ches 1479

SCENA TERZA
L’attacco del wyrm è devastante. Giunge silenzioso come la valanga, eppure la sua furia non ha nulla di naturale. Dilania, sbrana ed uccide qualunque creatura gli si trovi alla sua portata. Gli eroi dal canto loro si possono ritenere relativamente fortunati nell’essere franati nel crepaccio sottostante, lontani dalle feroci attenzioni della bestia. Per loro purtroppo i problemi non sono terminati. Il sacerdote coboldo al seguito del wyrm, Hissh, infatti è intenzionato ad offrire al proprio imponente padrone un pasto di tutto rispetto. Nel momento in cui il caos della battaglia di superficie sembra cessare ecco che l’infimo servitore scaglia l’ancestrale belva dei ghiacci all’indirizzo degli avventurieri. La lotta è furibonda, selvaggia, sanguinaria. Lo stoico coraggio di Tyron permette ai compagni Balnazaar, Hadarai e Vidalian di contrastrare il mostro con tutta la potenza e la magia di cui dispongono, senza esclusione di colpi. Come un martello che batte l’incudine arroventata dall’acciaio molle, l’ascia del tiefling baluginana nell’oscurità del crepaccio, più e più volte squarciando il muso del drago. Le fauci sanguinano ricolme di icore azzurro limpido come il ghiaccio stesso. I rapidi fendenti di Vidalian sono lampi che accecano ed infine la strategia vincente di Hadarai fa piombare la belva fuori dalle pareti a cui si era solidamente aggrappata, precipitando. Le urla di terrore si mischiano all’agonia del ghiaccio che va in frantumi. Yedrastalix è stato sconfitta.

Comments

Gawen

I'm sorry, but we no longer support this web browser. Please upgrade your browser or install Chrome or Firefox to enjoy the full functionality of this site.